Sankalpa: l’intenzione nello yoga e nella meditazione

15 Aprile 2020

Il Sankalpa, che potremmo tradurre in italiano con la parola ‘intenzione’, è un termine sanscrito ben noto a chi pratica yoga.

Di solito, prima di una lezione di yoga, il praticante prende qualche minuto per ‘centrarsi’, fare dei respiri profondi, esprimere il proprio intento e ‘dedicare’ la pratica a qualcosa di superiore.

Spesso, il sankalpa non è legato a qualcosa di egoistico, ma esprime un fine più alto ed è indirizzato al benessere anche delle altre persone, magari anche dell’umanità intera.

Anche nella meditazione, può essere bello e utile esprimere un’intenzione prima della pratica.

Esprimere il Sankalpa non è definire obiettivi

I ‘propositi’ come il Sankalpa sono molto diversi dagli obiettivi tradizionali che possiamo avere in mente. Spesso, infatti, noi occidentali ci avviciniamo a pratiche come lo yoga, la meditazione e la mindfulness con un obiettivo nella testa. Abbiamo il desiderio di ridurre lo stress, gestire le emozioni difficili o dormire meglio. Tutto ciò è molto ‘umano’ e comprensibile. Dobbiamo però stare attente a non lasciarci trasportare dalle aspettative. Altrimenti, corriamo il rischio di pensare che la meditazione sia qualcosa che ‘deve’ funzionare e che lo farà solo se raggiungeremo i risultati che vogliamo.

Il Sankalpa è qualcosa di molto diverso. È qualcosa di più spirituale e connetterci ad esso ci aiuta a non entrare nel meccanismo dei ‘risultati’ a tutti i costi.

L’intenzione ci consente di allinearci ai nostri valori e alle nostre intuizioni indipendentemente dal fatto che i nostri desideri possano o non possano avverarsi.

Esempi di intenzione nella meditazione

L’intenzione è una ‘direzione’, non è qualcosa di rigido. È un movimento che si adatta alla vita di ognuno di noi e ci mantiene in collegamento con la realtà e con il flusso delle cose.

Alcuni esempi di intenzione possono essere:

  • Coltivo l’amore nei confronti di me stessa e di tutti gli esseri
  • Nutro la pazienza e l’accoglienza
  • Accetto tutte le mie emozioni e riconosco che ognuna ha la propria dignità

L’intenzione è qualcosa di molto personale. Ognuna di noi dovrebbe scegliere la propria ed esprimerla secondo le parole che meglio sente risuonare dentro di sé.

A volte, il sankalpa può emergere proprio mentre stiamo meditando. Anche in questo caso, però, l’importante è non nutrire eccessive aspettative e non forzarci di trovarlo a tutti i costi.

Trovare il Sankalpa, l’intenzione, non deve essere un ulteriore ‘obbligo’. Altrimenti, perderebbe tutto il suo valore.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su Pinterest:

Condividi il mio post

Articoli correlati

Mindfulness e Tarot Coaching: come funziona una sessione con me?

Mindfulness e Tarot Coaching: come funziona una sessione con me?

Mindfulness e Tarot Coaching: come funziona una sessione con me? Sono Tatiana Berlaffa, Prof e Coach certificata, benvenuta sul mio Blog! Ti aiuto a conoscerti meglio e a fare scelte allineate attraverso Mindfulness e Coaching, anche con l’utilizzo...

Tatiana Berlaffa

Tatiana Berlaffa

Aiuto donne e imprenditrici a portare la mindfulness nella vita quotidiana per ritrovare una maggiore centratura e nel business per lavorare e comunicare in modo efficace ma senza essere sempre connesse. Utilizzo un approccio unico e personalizzato che si avvale delle più recenti tecniche di life e business coaching, della pratica della mindfulness e… di altre magie.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una sessione conoscitiva gratuita di 1/2 ora con me?PRENOTA