Riordinare i ricordi più belli con il metodo Kondo

22 Aprile 2015

Finalmente, oggi, dopo aver seguito il metodo di Marie Kondo per filo e per segno, mi trovo a riordinare l’ultima categoria: quella dei ricordi.

A detta della stessa autrice, questa è la categoria più difficile in assoluto.

Prima di accingermi a selezionare i ricordi ho però deciso, come avevo previsto, di passare in rassegna tutti gli oggetti della categoria ‘altro’ che non avevo ancora preso in considerazione.

E così, ho sistemato articoli di cancelleria, giochi di società, candele, oggetti etnici ecc.

Poi mi sono ‘tuffata’ nei ricordi.

Se vi siete persi il post che si riferisce al riordino dei ricordi, leggete qui

Riordinare i ricordi: la mia esperienza

La maggior parte dei miei ricordi sono fotografie.

Alcuni ricordi sono sicuramente nella casa dei miei genitori e, per ora, non me ne occupo.

Ringraziando l’universo di non essere un’accumulatrice, anche per i ricordi ho dovuto fare selezione tra poche cose.

È la categoria più difficile dal punto di vista emotivo, sono d’accordo anch’io.

Ho dovuto guardare molte volte le fotografie prima di decidermi ad eliminarne alcune.

Ho eliminato le foto in cui mi vedevo/ero troppo grassa o troppo brutta e tutte quelle che rappresentavano un momento non particolarmente felice per me.

Inoltre, ho eliminato alcuni paesaggi non molto significativi e alcune foto sfuocate. 

***

Ora arriverà la parte che mi piace di più: riordinare la casa dopo aver selezionato tutto quello che desidero conservare.

Procederò in questo modo:partirò da una breve fase di studio su ‘come riordinare gli oggetti’. Mi servirò inizialmente dei contenitori che ho in casa. Poi, se iniziato il lavoro pratico, non dovessero essere sufficienti, provvederò a scegliere e ad acquistarne di nuovi e più funzionali. Per questo, dovrò di nuovo prendere in mano tutti gli oggetti delle varie categorie. Ormai sono pochi e selezionati e mi fa anche piacere guardarli e toccarli. Poi li posizionerò nel loro nuovo e definitivo posto.

Qualora dovessi incappare in oggetti che, per qualche motivo, inizialmente ho conservato ma ora ritengo giusto eliminare, lo farò.

Anche quest’ultimo passaggio è previsto nel metodo elaborato dalla nostra Marie Kondo.


Se sei interessata al metodo che ho seguito, puoi trovare i libri di Marie Kondo in questo cofanetto.

Condividi il mio post

Articoli correlati

Mindfulness e Tarot Coaching: come funziona una sessione con me?

Mindfulness e Tarot Coaching: come funziona una sessione con me?

Mindfulness e Tarot Coaching: come funziona una sessione con me? Sono Tatiana Berlaffa, Prof e Coach certificata, benvenuta sul mio Blog! Ti aiuto a conoscerti meglio e a fare scelte allineate attraverso Mindfulness e Coaching, anche con l’utilizzo...

Tatiana Berlaffa

Tatiana Berlaffa

Aiuto donne e imprenditrici a portare la mindfulness nella vita quotidiana per ritrovare una maggiore centratura e nel business per lavorare e comunicare in modo efficace ma senza essere sempre connesse. Utilizzo un approccio unico e personalizzato che si avvale delle più recenti tecniche di life e business coaching, della pratica della mindfulness e… di altre magie.

1 commento

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Una sessione conoscitiva gratuita di 1/2 ora con me?PRENOTA